Dal frantoio di famiglia ad una nuova storia aziendale

Dea Salentina è un brand commerciale guidato dalle intuizioni di Laura e Debora, trentenni, imprenditrici, sorelle, salentine. Entrambi condividono una storia lavorativa che affonda cuore e radici nell’azienda di famiglia, il Frantoio Totaro di Surbo, realtà creata oltre 30 anni fa dai padre Vincenzo.

Da anni ormai, fin da giovanissime, entrambe si occupano degli aspetti amministrativi e di pubbliche relazioni per il frantoio, potendo così acquisire sul campo anche le giuste conoscenze sulle coltivazioni, la diretta esperienza nella produzione e la più sana consapevolezza delle tradizioni.

Il Frantoio Totaro, custode dell’autenticità


Specializzato nella produzione di olio extravergine di oliva, il Frantoio Totaro ha acquisito nel corso dei decenni un’importante reputazione per l’elevata qualità dei propri prodotti, ma anche per la capacità di sviluppare azioni di promozione sul territorio e di consolidare con i propri clienti una relazione basata sulla fiducia. La presenza dei campi e del frantoio stesso è diventato centro anche per la comunità che lo accoglie. Il suo olio extravergine d’oliva salentino è un prodotto di eccellenza che è diventato anche elemento di racconto dal punto di vista turistico e culturale, grazie alle preziose collaborazioni intraprese sul territorio.

Il frantoio, la cui eredità più importante sta nell’impegno, nella passione e nell’esempio di Vincenzo e della sua famiglia, da sempre impegnati nella conduzione dei campi e del frantoio, è sinonimo di autenticità. E come tale garanzia di unicità.

Dea Salentina, sinonimo di futuro


La nascita del brand Dea Salentina è legata alla necessità di riprogrammare il processo organizzativo del frantoio e delle coltivazioni in relazione all’avanzare del fenomeno xylella e anche al desiderio di unirsi ad altri produttori per la valorizzazione culturale, commerciale e turistica del Salento stesso. Tutti uniti dalla qualità dei propri prodotti, dai sapori spesso indimenticabili.

La nostra idea I sottoli